Line Nell'occhio del ciclone Tora edizioni
Condividi l'Articolo di Fumetti Indelebili

Line Nell’occhio del ciclone Tora edizioni

Line Nell'occhio del ciclone Tora edizioni
Line Nell’occhio del ciclone Tora edizioni

Torniamo a parlare di Line, secondo volume edito Tora edizioni

Ripercorriamo brevemente la trama del precedente capitolo. Il mondo ormai è sconvolto dalle radiazioni dovute ad una massiccia guerra; l’Italia è spaccata in diversi rioni protetti da enormi cupole di ferro e vetro che strizzano l’occhio a Hector Horeau noto architetto francese dei primi dell’ottocento. All’interno di queste cupole si formano dei veri e propri nuclei stato con tanto di ospedali stazioni di polizia e cariche politiche.

Un gruppo di esploratrici dette “Volontarie” viene reclutate e inviate in missione per trovare vie di spostamento per guadagnare territori intatti e privi di radiazioni per allargare la propria fazione.

Le ragazze fanno un ottimo lavoro anche a costo della loro vita, tuttavia non sembrano godere del favore del primo ministro, che invece di sostenerle si limita ad ammonirle e contrastarle costantemente.

Line Nell'occhio del ciclone Tora edizioni
Line Nell’occhio del ciclone Tora edizioni

Un grande ritrovamento e un enigmatico furto

La precedente missione permette seppur tra numerose difficoltà di riportare una antica valigetta blindata alla base; il contenitore viene aperto con metodi poco ortodossi dalla caposquadra e all’interno con estrema gioia vengono rinvenute le fatidiche mappe che conducono ai sotterranei vaticani.

La missione sembra un successo e dopo una adeguata decontaminazione le ragazze si preparano per riposare e ripartire con la missione “Raggiungere i punti segnati nelle mappe”. Tuttavia durante il turno di guardia una delle volontarie designate alla protezione dei manufatti viene colpita alla testa da una misteriosa e oscura figura.

Line Nell'occhio del ciclone Tora edizioni
Line Nell’occhio del ciclone Tora edizioni

Rivenuta e medica la ragazza viene accusata di negligenza e un’ indagine per ritrovare il maltolto viene avviata.

Tra il bianco e nero ci sono sempre sfumature di grigio

Ancora una volta Ilaria Del Fuoco realizza delle tavole morbide in bianco e nero; o se vogliamo in scala di grigio. Lo stile particolarmente puccioso e deformed si rifà ai primi lavori della ormai celebre Alessandra Patanè. Un genere decisamente occidentale e molto umoristico, con una anatomia che spiazza vista la tematica affrontata ” inverno nucleare “.

La trama si infittisce e ci porta a molti interrogativi

Serena Scuderi come nel primo capitolo riesce a intrigare con una trama che “sembra ” semplice, ma nasconde molte possibili evoluzioni. Io stesso mi sto interrogando su chi sia la talpa e se ce ne sia realmente una. La scrittrice ci anticipa nelle tavole che potremo vedere nel prossimo numero dei veri e propri scontri; fazione contro fazione?

Consiglio di leggere i volumi a chi è appassionato di apocalissi e simili, non pensate che la grafica kawaii alleggerisca la storia che di fatto ricorda ( mostri esclusi ) Metro 2033.

Intervista con Ilaria Del Fuoco

Qui di seguito trovate una divertente chiacchierata tra me, Lorenzo Pezzutti e Ilaria Del Fuoco su Line e tante curiosità sulla nostra autrice durante la diretta di Chiacchiere da Ballon.

Potete acquistare il volume nei seguenti link Tora Store, Kiryu Shop

Line Nell'occhio del ciclone Tora edizioni
Line Nell’occhio del ciclone Tora edizioni
/ 5
Grazie per aver votato!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.