Condividi l'Articolo di Fumetti Indelebili

C’è solo una manciata di fumettisti moderni il cui lavoro è immediatamente riconoscibile senza la necessità di guardare i titoli per sapere chi l’ha disegnato. Lee Bermejo è senza ombra di dubbio un membro di spicco di questo club esclusivo.  Non esiste artista moderno che disegna un Cavaliere Oscuro più distintivo di lui. Punta di diamante della DC Comics, lo statunitense ha scalato la classifica della notorietà e del pubblico grazie a graphic novel come Joker, Batman: Noel, Luthor, Before Watchmen: Rorschach e il più recente Batman: Damned.

Lee Bermejo: la storia di un artista

Un artista dalla tecnica semplice che per dar vita ai suoi disegni si serve solo di matita, inchiostro, grafite e inchiostro acquerellato. Durante il lavoro alla DC, Bermejo si è affermato per la sua interpretazione fotorealistica di Batman che nessun altro è stato in grado di emulare.

La prospettiva del costume di Batman offerta dall’artista non è quella di un classico supereroe ma un equipaggiamento progettato per la guerra urbana con pantaloni leggermente larghi e fibbie. Si può facilmente affermare che l’abito per Robert Pattison di Matt Reeves in The Batman tragga parecchia ispirazione dal design del costume creato da Bermejo.

Guardando indietro nella sua carriera, Bermejo inaspettatamente individua tra i suoi disegni preferiti, non un’immagine del suo personaggio caratteristico, un certo pipistrello, ma un ritratto di John Constantine, protagonista della copertina della serie Hellblazer di Vertigo, rappresentato “seduto su un letto e sta fumando una sigaretta e dietro di lui, il fumo scopre un fantasma”.

Lee Bermejo: la storia di un artista

Bermejo ha mosso i primi passi come stagista nell’azienda WildStor, alla fine degli anni ’90 ed era ancora lì quando la DC ha acquistato la stessa. La miniserie Lex Luthor: Man of Steel del 2005 ha consolidato l’artista consacrando la sua ascesa. Le sue opere fotorealistiche insieme alle sceneggiature di Brian Azzarello sono magia creativa. Dalla collaborazione è scoppiato un successo tale, tanto che il duetto è uno dei rari casi in cui è sufficiente il nome per vendere fumetti. Dopo la loro ultima collaborazione, Batman: Damned, Bermejo ha concentrato le sue doti artistiche nella realizzazione di copertine per l’editore, incluse le Detective Comics.  

Lee Bermejo: la storia di un artista
/ 5
Grazie per aver votato!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.