Buona visione: Maya e i tre guerrieri
Condividi l'Articolo di Fumetti Indelebili

Buona visione: Maya e i tre guerrieri

Buona visione: Maya e i tre guerrieri
Buona visione: Maya e i tre guerrieri

Stanchi di serie lunghissime e con personaggi senza chimica? In cerca di qualcosa che vi faccia emozionare, piangere e sentire quella generale sensazione di soddisfazione così rara nei media moderni?

Volete una protagonista femminile forte ma non una forza che paia stereotipata e un contentino girl power mentre la trama è debole?

Ebbene, Maya e i tre guerrieri è la serie animata che fa per voi: ha una protagonista incredibile, personaggi ben caratterizzati (ad un certo punto ti senti pure un po’ dispiaciuto per il cattivo principale) una trama forte che procede spedita ed è breve.

Otto episodi di adrenalina pura che vi lasceranno con una sola lamentela: perché non ce ne sono di più?

Il destino me lo scelgo io

Buona visione: Maya e i tre guerrieri
Buona visione: Maya e i tre guerrieri

Atmosfere calde e intense, colori sgargianti e vivi, l’animazione qualitativamente parlando è un gioiellino, un lavoro di pazienza che ci dona una serie che difficilmente dimenticheremo.

Nata dal genio del creatore del film Book of life, Maya e i tre guerrieri è un viaggio adrenalinico, una giostra di emozioni che non lascerà un attimo di respiro.

Vita e morte vanno a braccetto in una serie che riflette l’amore per la cultura pre-colombiana e per la terra d’origine del creatore, un amore che ben presto proviamo anche noi.

Maya non è perfetta. Non è una principessa disney prima maniera: fa molti errori, che costano anche caro, è testarda e violenta.

Buona visione: Maya e i tre guerrieri

Ha buon cuore, e l’intenzione di fare del suo meglio, di fronte a divinità mostruose che vogliono conquistare il mondo non tremerà, anche se ha paura, anche se sa qual è il suo possibile destino.

Maya sceglie il suo percorso, profezia o meno, lottando con le unghie e coi denti, conquistando i suoi alleati e facendosi rispettare dai suoi nemici (beh, quasi tutti.)

C’è molta morte, ma c’è anche la vita. Una vita vibrante, appassionata,impetuosa. Proprio come il Messico.

Se siete pronti a piangere, procedete. Sarà un’esperienza che ricorderete con molto piacere.  

/ 5
Grazie per aver votato!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.