Botteghe di Tokyo
Condividi l'Articolo di Fumetti Indelebili

Botteghe di Tokyo L’ippocampo con Mateusz Urbanowicz.

Un volume quello che abbiamo recentemente acquistato in una libreria del centro di indiscutibile pregio.

L’Ippocampo porta un cartonato che stravolge il concetto stesso di guida turistica; o se vogliamo di appunti di viaggio.

Botteghe di Tokyo di Mateusz Urbanowicz rappresenta tramite l’ausilio di splendidi acquerelli, gli interni, ma soprattutto gli esterni delle botteghe dei vari quartieri della capitale nipponica. Che siano ancora in attività o chiusi e riallocati come private abitazioni, la pittura di Mateusz cattura l’attimo; immortale nel tempo e ricco di particolari, anche i più minuziosi.

Botteghe di Tokyo L'ippocampo con Mateusz Urbanowicz
Botteghe di Tokyo L’ippocampo con Mateusz Urbanowicz

L’artista si sofferma su piccolezze che l’occhio recepisce e la mente studia interrogandosi, filosofeggiando e spaziando con calma; una cerimonia del tè; lenta riflessiva e garbata attenta ad ogni dettaglio.

Fa sfoggio l’artista di una capacità paesaggistica in questo splendido volume cartonato che nulla ha da invidiare ai grandi classici dell’arte contemporanea; avvalendosi di visuali frontali, leggermente a tre quarti o facendo sfoggio di planimetrie interne con inquadrature isometriche; dove i muri parzialmente scompaiono per lasciare posto agli interni.

Molte pagine sono interamente disegni di edifici per lo più storici o comunque risalenti alla architettura classica giapponese pre bellica e dell’immediato post bellico.

Botteghe di Tokyo L’ippocampo con Mateusz Urbanowicz

Altre ricolme di piccoli particolari, intervallati dai commenti, o più nello specifico riflessioni dell’autore. Il viaggiatore che si sofferma ad osservare la pittura di un edificio, o la forma nostalgica del modello di un motorino che nel suo complesso rappresenta una tipicità di questi scorci tradizionali.

Il testo è meraviglioso caratteri giapponesi chiari e subito tradotti in italiano che si accompagnano rendendo l’opera più coinvolgente e convincente.

Botteghe di Tokyo L'ippocampo con Mateusz Urbanowicz
Botteghe di Tokyo L’ippocampo con Mateusz Urbanowicz

I luoghi presenti all’interno del volume sono ben descritti e contestualizzati in location precise.

Ogni quartiere di Tokyo viene introdotto come fosse il capitolo di un libro di narrativa con un piccolo scorcio a visuale d’uccello che ci fornisce una mappa/guida anch’essa acquerellata con sapiente maestria.

Come un sensey Urbanowic alla fine del volume ci introduce nel suo mondo lavorativo, spiegandoci le tecniche e i materiali da lui usati; arriva perfino a impartirci una piccola lezione di semi manualistica sul come realizzare un lavoro simile al suo.

In viaggio fotografico con la moglie

Splendida la collaborazione con la moglie di Mateusz, letteralmente due cacciatori, fotografi e avventurieri in una città dalle forti contraddizioni.

Tra strumenti e sopralluoghi, interrogativi e estenuanti camminate Botteghe di Tokyo rappresenta forse una delle migliori opere ad acquerello ispirate al Giappone e alla sua normalità al tradizionale che scosta il moderno e ci permette di apprezzare le piccole bellezze come un turista che si perde nei vicoli sconosciuti di Roma antica.

Botteghe di Tokyo L'ippocampo con Mateusz Urbanowicz
Botteghe di Tokyo L’ippocampo con Mateusz Urbanowicz

L’Ippocampo fa nuovamente centro portando qualcosa di cui tutti potremo beneficiare; uno stile che ha dato vita anche ad una mostra a Milano ( da noi già trattata in questo articolo ) di indubbio successo per appassionati e visitatori occasionali.

Siamo ansiosi di leggere e osservare ammirati il seguito spirituale di questo volume Notti di Tokyo sempre di L’Ippocampo

Potete acquistare questo volume direttamente dallo store di L’Ippocampo cliccando su questo LINK

Fateci sapere se lo avete letto e se vi è piaciuto o comunque in generale lasciate un commento e diteci cosa ne pensate.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.